Print Friendly, PDF & Email

Dal giorno 19 Ottobre 2020, a seguito dell’entrata in vigore del DPCM del 18 ottobre 2020, le attività dei servizi di ristorazione (bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) hanno l’obbligo di esporre un cartello con indicazione dell’affollamento massimo, che indichi alla propria clientela il numero di persone che possono stazionare all’interno del locale.

Cliccando sull’immagine di seguito puoi scaricare un fac-simile, in formato A4 da stampare, compilare con il numero di persone massime che possono affollare il locale, ed appendere all’ingresso.

Cartello affollamento massimo bar e ristoranti

Come calcolare l’affollamento massimo del locale ?

IL DPCM non da indicazioni tecniche sui criteri da utilizzare per effettuare tale calcolo, rimandando a Linee guida e Protocolli anti-contagio.

Facendo riferimento alla norma in vigore, la FIPEFederazione Italiana Pubblici Esercizi, ritiene che tale parametro possa essere calcolato, tenendo in considerazione la disposizione dei tavolidel locale, come se al singolo tavolo gli avventori fossero tutti conviventi(o comunque persone che, in base alle disposizioni vigenti, non siano soggetti al distanziamento interpersonale, ad es. accompagnatori di disabili). Resta a carico dell’esercente l’obbligo di garantire il distanziamento di almeno un metro tra i commensali che non siano conviventi o non rientrino nei casi sopra indicati

Nel caso in cui non sia possibile effettuare consumo ai tavoli – e, quindi, non sia possibile far valere l’indicazione del punto precedente – è bene che il numero massimo sia calcolato garantendo il distanziamento interpersonale di almeno 1 metro tra gli avventori.


0 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *